Manutenzione Tappeti

Come pulire i Tappeti

mercoledì, maggio 11th, 2016 | Manutenzione Tappeti | Nessun commento

Passare l’aspirapolvere regolarmente è una buona abitudine per mantenere un tappeto pulito e ben curato. Si consiglia di aspirare anche il retro del tappeto. Per i tappeti di lana, in particolar modo se taftati a mano, sarebbe meglio utilizzare una spazzola a mano perché l’uso dell’aspirapolvere può causare una produzione in eccesso di felpa (o lanugine). In generale i tappeti taftati (sia a lana che in acrilico), quando sono nuovi, tendono a perdere un po’ di fibra, si tratta del normale assestamento del vello che nel giro di qualche settimana tende a scomparire.

tappeti

Con i tappeti shaggy, l’aspirapolvere va usato senza battitappeto perché il vello lungo rischierebbe di rimanere impigliato nelle spazzole rotanti e la superficie del tappeto danneggiata.

Quando compare una macchia sul tappeto ricordatevi di agire velocemente. La prima cosa da fare è tamponare la macchia con un panno o con della carta da cucina. Operazione che va ripetuta eventualmente anche sul retro del tappeto fino a quando non sarà più presente del liquido. A volte, per le macchie facili da eliminare, può bastare anche solo un po’ di acqua frizzante.

Esistono vari metodi naturali per la pulizia dei tappeti e la loro manutenzione. Una soluzione di acqua e aceto bianco ravviva i colori sbiaditi  e li rende di nuovo brillanti (il rapporto aceto-acqua deve essere di 1 : 3 e miscelato bene). Ricordatevi di non inumidire troppo il tappeto. Una volta asciugato si consiglia di spazzolarlo in maniera uniforme. Anche il bicarbonato è molto utile per la pulizia dei tappeti. Basta spargerne un po’ sul tappeto di casa, lasciarlo agire per qualche ora (soprattutto dove il tappeto presenta delle macchie) e poi passare l’aspirapolvere oppure una spazzola. Tra l’altro il bicarbonato igienizza ed assorbe i cattivi odori: il vostro tappeto sarà come nuovo! › Continue reading

Tags: , ,

Tappeti: consigli per la pulizia

venerdì, dicembre 4th, 2015 | Manutenzione Tappeti | Nessun commento

I tappeti rappresentano uno dei modi più semplici per rinfrescare il look di una stanza con  colore e stile. Naturalmente anche i tappeti hanno bisogno di cura se si desidera mantenerli belli e puliti il più a lungo possibile

tappeti per la casa

La pulizia dei tappeti inizia sempre con l’aspirapolvere, da utilizzare anche sul retro, dopo aver naturalmente aspirato bene anche il pavimento dove verrà sistemato il tappeto.

In caso di tappeti taftati, soprattutto se di lana, è consigliato  l’utilizzo di una spazzola a mano perché con l’aspirapolvere si possono tirare le fibre causando la produzione di un eccesso di felpa (o lanugine). Il tappeto taftato, in lana o acrilico, quando è nuovo, tende a perdere alcune fibre: non preoccupatevi, si tratta di un normale assestamento del vello che si stabilizzerà nel giro di qualche settimana.tappeti pulizia

Attenzione anche alle frange perché con un un’aspirazione troppo potente si rischia di sfilacciarle per cui ricordatevi di utilizzare accessori per l’aspirazione delicata. › Continue reading

Tags: , ,

Tappeti e animali domestici

giovedì, luglio 11th, 2013 | Manutenzione Tappeti | Nessun commento

Cane AndyWarholCani e gatti sono la gioia della nostra vita, cosa faremmo senza di loro? Proprio per tutto l’affetto che ci dimostrano non facciamo caso ai piccoli inconvenienti che creano in casa come ad esempio peli da tutte le parti, odore e macchie varie. Il primo consiglio per cercare di non avere una casa completamente in balia dei nostri animali domestici sta nell’avere un buon aspirapolvere per tenere pulito, da passare spesso e magari anche dei panni “raccoglipolvere” che sono altrettanto efficaci con il pelo degli animali.

Tappeti e animali domestici sono compatibili? Prevedo che alcuni tappeti avranno una vita dura tra zampette sporche, peli e altro. Alcuni cuccioli scambiano il tappeto per la toilette, in mancanza di migliori alternative, per cui si entra in un circolo vizioso che vede come vittima designata il tappeto e il parquet che sta sotto.

Cane e gatto su tappeto

› Continue reading

Tags:

Consigli su cura e manutenzione del tappeto

venerdì, ottobre 15th, 2010 | Manutenzione Tappeti | Nessun commento

Copyright Webtappeti.it 2010

Non servono particolari arnesi o apparecchiature sofisticate  per mantenere il vostro tappeto come nuovo: bastano un po’ d’attenzione e ……. un aspirapolvere.

Infatti, sporco, polvere e frammenti vari che finiscono sul tappeto possono essere facilmente rimossi da un semplice aspirapolvere.

Il tappeto appena acquistato, se taftato a mano, a volte perde  una certa quantità di “peluria”.
Nulla di cui preoccuparsi, si stanno solamente distaccando dal tappeto  alcune fibre in eccesso che si sono create durante il processo di tessitura.
Si tratta di un normale assestamento del vello del tappeto che scompare nel giro di qualche settimana.

E’ sufficiente passare l’aspirapolvere, anche più volte al giorno se la “peluria” in eccesso vi dà molto fastidio. Non esagerate invece con il battitappeto che, se usato con troppa frequenza, rischia di rovinare il tappeto.

Quando il vello del vostro tappeto è finalmente assestato potete usare normalmente l’aspirapolvere, una o due volte la settimana, dipende da dove avete collocato il tappeto, se in una zona trafficata, tipo l’ingresso o in una zona più in disparte come la camera da letto.

L’ideale sarebbe rivoltare e aspirare anche il retro del tappeto. Lo sporco che penetra dal pavimento è più vicino al retro e di conseguenza è più semplice  aspirarlo da lì che dalla superficie.

Se il tappeto ha la frangia, fate attenzione a non passarci sopra l’aspirapolvere. La frangia del tappeto ne rimarrebbe alquanto danneggiata . Se dovesse accidentalmente rimanere impigliata nel battitappeto, spegnetelo immediatamente e cercate di sfilare con delicatezza la frangia.

Alcuni brevi consigli per allungare la vita ai vostri tappeti:

– Almeno una volta l’anno ruotate il tappeto di 180° per garantirgli un’esposizione uniforme alla luce e all’uso (esiste sempre un lato del tappeto su cui si cammina di più!)

Se fuoriesce un filo dal tappeto tagliatelo con delle forbici, non cercate di tirarlo o strapparlo.

– Ricordatevi di utilizzare il sottotappeto per la vostra sicurezza (evitare che il tappeto scivoli) e per proteggere il tappeto dall’usura.

E’ veramente semplice prendersi cura dei tappeti che ci ripagano in mille modi diversi aggiungendo colore, comodità e carattere alle nostre case.

Tags: , ,

Il Migliore amico del nostro tappeto

giovedì, ottobre 1st, 2009 | Manutenzione Tappeti | Nessun commento

Copyright Webtappeti.it 2009

Quando acquistiamo un tappeto vogliamo che rimanga bello, soffice e come nuovo per anni. Tutto questo è possibile, naturalmente con la giusta attenzione e cura. L’aspirapolvere è, senza dubbio, il miglior amico del nostro tappeto e se usato correttamente e con regolarità aiuterà a mantenerlo inalterato per molto tempo.
Innanzitutto ricordatevi che il tappeto è costituito da fibre. Sporco e umidità, lavorando insieme, compromettono la texture del tappeto che può rischiare di rompersi: ecco perché è così importante passare regolarmente l’aspirapolvere.
Quanto spesso, dipende da dove avete collocato il tappeto. Se è vicino all’ingresso o in un ambiente trafficato dovrete aspirarlo più volte la settimana, mentre se si trova in una camera da letto, una volta la settimana è più che sufficiente.
Il punto è non permettere allo sporco di intaccare le fibre del tappeto.
Un altro dubbio riguarda l’uso del battitappeto: usarlo oppure o no?
Se il tappeto è corposo, il battitappeto è necessario per una pulizia profonda; altrimenti usate l’aspirapolvere che utilizzate normalmente, assicurandovi che il tappeto stia fermo sul pavimento per evitare il risucchio e il conseguente danneggiamento delle fibre. Attenti anche a non aspirare la frangia che rischia di sfilacciarsi.
Infine non dimenticatevi di passare l’aspirapolvere (indicativamente una volta al mese) anche sul retro del tappeto: il vello può infatti consumarsi, a causa dello sporco, in maniera non uniforme partendo dal basso.

Tags: ,

Consigli per conservare correttamente il tappeto

sabato, novembre 15th, 2008 | Manutenzione Tappeti | Nessun commento

Uno dei vantaggi che avete nel decorare la vostra casa con un tappeto d’arredo sta nel fatto che potete periodicamente sostituirlo a seconda del vostro stato d’animo, del gusto del momento o semplicemente della stagione dell’anno.
E’ assolutamente importante conservare il tappeto in maniera corretta, quando decidete di metterlo momentaneamente da parte. Se state attenti e adoperate la cura necessaria il vostro tappeto durerà una vita.
Il luogo ideale dovrebbe essere asciutto, fresco e senza luce diretta. Dato che pochi di noi possiedono il lusso di avere una stanza in più da dedicare completamente, dobbiamo arrangiarci con cassetti, armadi e contenitori vari sotto il letto. E’ infatti possibile adattare molti spazi della nostra casa a magazzino ma cercate di evitare sottotetti e cantine dove gli sbalzi di temperatura e l’umidità possono danneggiare il tappeto.

Ecco alcuni consigli:
Cercate di tenere pulita la zona dove conservate il tappeto perché polvere e sporco potrebbero attirare insetti che rovinerebbero il vostro tappeto; per lo stesso motivo cercate di evitare di tenere il tappeto direttamente sul pavimento.
Se avete spazio, gli scaffali di metallo sono l’ideale per ben conservare i tappeti. Mettete sugli scaffali una leggera imbottitura in modo tale che gli spigoli dello scaffale non rovinino il tappeto. Se avete scaffali di legno ricordatevi di ricoprirli con della carta (per assorbire gli acidi che il legno rilascia) da sostituire ogni due o tre anni.
Il modo migliore per conservare un tappeto è arrotolarlo…ma con il vello all’interno o all’esterno? Le condizioni in cui si trova il tappeto determineranno come arrotolarlo. In generale, il vello è più delicato della base quindi sarebbe meglio arrotolarlo con il vello all’interno. Se la base esterna però è rivestita sarebbe meglio arrotolarlo con il vello all’esterno. Infatti un tappeto si increspa facilmente quando arrotolato, meglio quindi arrotolarlo con il rivestimento all’interno in modo tale che si increspi il rivestimento e non il vello. In più arrotolate nella stessa direzione del vello per evitare che questo si rovini graffiandosi.
Cercate di arrotolare il tappeto diritto e usando un lenzuolo di cotone o mussola per ricoprire sia la parte che arrotolare sia l’esterno, per proteggerlo dalla polvere.
Vi consigliamo inoltre di pulire con una certa cura il luogo dove conserverete il vostro tappeto arrotolato……. è un sacco di lavoro ma ne vale la pena ! Avrete il vostro tappeto bello e come nuovo per la prossima occasione in cui decidete di riutilizzarlo.

Tags: ,

Come salvare il tappeto da bambini e animali domestici

lunedì, ottobre 13th, 2008 | Manutenzione Tappeti | Nessun commento

Bambini e animali domestici. Due delle gioie più grandi della nostra vita, esatto? Certamente! Siamo tutti d’accordo, naturalmente, anche del fatto che riescono a fare dei bei danni ai nostri mobili e ai nostri adorati tappeti. Bambini e cani (o gatti ) sono nemici giurati dei tappeti, soprattutto di quelli costosi.
Ma sì, la situazione non è poi così disastrosa se si prende la vita con un po’ di humor.
Fango sulle scarpine e devono attraversare la stanza con al centro il nostro bel tappeto? Nessun problema, anzi, via di corsa ed è pure più divertente mentre la mamma li rincorre per tentare inutilmente di fermarli.
› Continue reading

Tags:

Seguici su Facebook:

Iscrizione Newsletter

Ricevi curiosità e notizie sempre aggiornate

Search

Archivi